martedì 31 maggio 2011

Eccomi!

Era ora!
Giuliana insisteva da un anno circa. Ho opposto una resistenza passiva accampando scuse di ogni tipo e colore; ho fatto il blog per una mia amica piuttosto che  fare il mio; ho scritto post come ospite, perché non avevo il mio luogo dove scrivere.
Oggi è scattata la motivazione forte: a Milano, dove vivo, abbiamo un nuovo sindaco, Giuliano Pisapia, che  dopo 20 lunghissimi anni di decadenza in tanti ambiti, sarà la guida della nostra città.
E quindi spira il vento nuovo che tanto stavamo aspettando e che in tanti abbiamo deciso che valeva la pena che si alzasse, per spazzare via troppi anni di aria imputridita dalle persone che hanno amministrato (si fa per dire) questa città.
E siccome il contributo più importante in questa incredibile campagna elettorale lo ha dato proprio la Rete e dalla Rete è partita una esplosione di creatività e di contenuti, ho pensato che era proprio arrivato il momento di crearmi il mio posticino in questo mondo.

Il titolo del mio blog è anche un omaggio al nuovo sindaco che ha più volte ammesso di essere un forte sostenitore di questo mezzo di trasporto. Ma è soprattutto  l'espressione del mio modo di essere e di avere vissuto la mia vita ( tanti anni!) fino ad oggi.
Andare in bicicletta significa fare delle scelte, quando vivi in città. Scegliere di non avere un'auto in più per uso personale; scegliere di non inquinare; scegliere la semplicità; scegliere di essere dinamici e mantenersi in forma senza palestre e diete dimagranti.
E' stato molto difficile e anche un po' avvilente affrontare la vita secondo questo punto di vista nella nostra Milano di questi 20 anni dissestati.

Oggi un nuovo colore, quello che ho scelto per il mio blog, sventola per Milano. Chissà, magari far un po' le biciclette saranno così numerose da cacciare per sempre gli arrogantissimi Suv che hanno invaso e ferito la mia città!

8 commenti:

  1. alè!!! benvenuta emanuela, finalmente ce l'abbiamo fatta!
    in bocca al lupo, vedrai, sarà bellissimo :)

    RispondiElimina
  2. Appena possibile mi riunisco anche io al popolo dei ciclisti, arrivooooo aspettatemiiii! :)

    RispondiElimina
  3. Brava Emanuela!
    Complimenti per il titolo/nome del blog: anch'io sono una donna in bicicletta che sacramenta con chi non ha rispetto per noi ciclisti, per chi parcheggia sulle piste ciclabili E SUI PASSI CARRAI (argh) e che ringrazia sempre se qualche automobilista cortese rallenta per lasciarmi girare a sinistra! Vedrai che saremo in tanti ad accompagnare il tuo viaggio!
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Ciao, arrivo qui da Giuliana, dopo aver letto la tua bellissima nota "20 anni". Benvenuta :-)
    (anch'io niente macchina a Milano: sempre a piedi, ovunque!)

    RispondiElimina
  5. Complimenti e in bocca al lupo!!! :)

    RispondiElimina
  6. @giuliana:grazie alla mia madrina!@Gabriella@Isolde:il battesimo del mio blog in una giornata di pioggia:-)Tanto per non smentire le premesse!@Mammain3D@GRAZIE@Isabelle:crepi!
    Che meraviglia, ho già un sacco di amiche. Sono un po' emozionata per la mia creatura:-)

    RispondiElimina
  7. Benvenuto al tuo blog! ci mancavi, in effetti. sai, io sono una che odia i ciclisti, sono come Gioele Dix. Ma odio quelli vestiti da spermatozoo che circolano a frotte sulla Colombo tra Eur e Ostia, e non certo le belle signore gentili come te :)

    RispondiElimina
  8. @VereMamme:certo che odi i ciclisti, perché a te piace la moto!
    Grazie per il "bella signora gentile":-)

    RispondiElimina